Nondimeno il Correttore Generale potrà lecitamente, inviare, oltre i predetti Vigili, Visitatori oculati che, come lucerne ardenti, visitino i confratelli e ne correggano le manchevolezza, con tale senso di giustizia da non separare da questa la misericordia, anzi useranno tanta misericordia da non dividere da essa, 47. Capitolo secondo: Candidati da ricevere nell'Ordine, 2. vigilia del Natale del Signore; cosi pure negli altri giorni prescritti dalla Chiesa. Infine, nelle festività del Natale del Signore, della Purificazione della gloriosa Vergine Maria, della Cena, del Signore, di Pentecoste,dell'Assunzione della Vergine Maria, della dedicazione di S. Michele Arcangelo e nella solennità di, Tutti i Santi, tutti i non sacerdoti, se non vi sia legittimo impedimento, si riconcilino in Capitolo, e cosi riconciliati ricevano, Capitolo quinto: Obbedienza, castità e povertà volontaria, 19. potranno ragionevolmente dispensare i frati e gli Oblati dai singoli suddetti digiuni. 43. tel. 55. solo il predicatore e non altri, nè i suddetti frati si prolunghino in discorsi con le Monache su argomenti diversi da quelli indicati. Anche il confessore dei Novizi ed il loro Maestro saranno designati dai suddetti Prelati. Quivi saranno designati anche i Correttori locali, che siano persone di provata esperienza, dopo che ne è stata fatta, l'elezione in ciascun convento. Con il diploma Decet nos, del 30 novembre 1470, l’arcivescovo di Cosenza, mons. Tuttavia, se nei suddetti tempi e luoghi dedicati al silenzio ci fosse necessità di parlare, lo si faccia, 37. E perché tutti i frati abbiano maggiore possibilità di pregare, si ammonisca ciascuno ad osservare con cura il silenzio. Nondimeno i Superiori dell'Ordine. attenderanno con diligenza agli uffici Loro affidati. Il motivo di un intervento pontificio così ravvicinato, probabilmente era solo di natura formale: la precedente versione non era stata sottoposta al giudizio del collegio dei cardinali e si temeva che ciò avrebbe potuto invalidarla. grande forza, e come un fedele messaggero compie il suo mandato penetrando là dove non può arrivare la carne. E non si permetta di introdurre o far introdurre in convento alcuno di, 28. le Messe e suffragi dell'Ordine, oppure che non eccedano il limite di cinquant'anni o al di sotto di questo. Tutti i frati di quest'Ordine si asterranno completamente dai cibi di grasso e nel regime quaresimale faranno frutti degni di, penitenza si da evitare completamente le carni e quanto da esse proviene. Regola de’ frati dell’ordine de’ Minimi di Francesco di Paola. Pirro Caracciolo, aveva autorizzato la “Congregazione eremitica di S. Francesco d’Assisi”, sorta attorno a Francesco di Paola, a stilare uno statuto, purché conforme ai … I Chierici di quest'Ordine, impegnati con spirito di santo timore e di esultanza alle divine lodi, assolveranno all'obbligo, dell'Ufficio divino recitandolo semplicemente, ossia leggendolo senza canto, con riverenza e secondo le cerimonie e il rito della, 13. Soltanto i frati professi abbiano una cocolla cucita posteriormente al loro mantello, per coprire il capo. anno, salvo che vengano nuovamente eletti a più alti uffici dal Capitolo provinciale o generale. L’approvazione della Regola dell’Ordine dei Minimi ebbe un lungo iter con la stesura di diverse versioni. Il Terz'Ordine, quale ramo secolare dell'Ordine dei Minimi, ne partecipa il carisma penitenziale e, a garan-zia di questo, ne riconosce l'alta direzione e si avvale della sua assistenza spirituale. E quando, occorrerà, celebrino la Messa semplicemente leggendola, ossia recitandolo senza canto, e vi impieghino un solo ministro o due, o, al più, tre. Il Terz’Ordine dei Minimi (T.O.M.) vengano di nuovo eletti a più alti uffici, come sopra indicato. ogni cattiva suggestione e di fare in qualsiasi modo da padrini. Ordine dei Minimi di s. francesco di paola frati - regola VITA E REGOLA DEI FRATI DELL'ORDINE DEI MINIMI DI FRA' FRANCESCO DI PAOLA Capitolo primo: Osservanza salutare dei precetti e dei voti 1. External link: #1 Opac SBN. Tanto il cingolo, quanto l'abito e, il cappuccio non sarà lecito ai frati togliersi, nè di giorno nè di notte, se non per cambiarli, pulirli, ripararli, o per qualche. chiesa che al dovuto sostentamento dei religiosi. formaggio e di qualsiasi specie di latticini e di tutti i loro composti e derivati, salvo le seguenti eccezioni. Κέντρο Βοήθειας Αποστολή σε : / KZT Non entreranno in monasteri di Monache, se non in chiesa e presso le grate che delimitano la clausura: ciò soltanto per, predicare o per chiedere l'elemosina. Subito appena eletti, nel modo sopra indicato, -i suddetti Superiori, i loro Assistenti e gli Zelosi - questi ultimi con residenza a, Roma o nell'ambito -, promettano fedeltà all'Ordine in Capitolo, nell'atto stesso della loro elezione se sono presenti; all'inizio del, 53. 45. Che se ricorre qualche festa di particolare solennità, si potrà celebrare la Messa conventuale corrispondente con. VITA E REGOLA DEI FRATI DELL'ORDINE DEI MINIMI DI FRA' FRANCESCO DI PAOLA. I suddetti Oblati, sia prima che dopo la loro professione, potranno come gli altri essere scelti quali economi e, all'interno del. locale e secondo la possibilità di ciascun convento, si provvederà con carità sia alle riparazioni della. Tutti i Chierici professi di questa piccola Congregazione e tutti gli ordinati, "in sacris" portino una tonsura uniforme della, dimensione di una palma di mano media. La Regola dei Frati – Santuario San Francesco di Paola. La regola del 1506, I Minimi e la monarchia francese durante il Rinascimento ». 54. Ciò si faccia sempre secondo la possibilità del convento e opera di un Obiato; in sua assenza lo si faccia tramite i procuratori e, 27. I terziari leggono la Regola di San Francesco di Paola Da un'idea del Consiglio Provinciale San Francesco In collaborazione con il Consiglio Nazionale T.O.M. evidente infermità riconosciuta in coscienza dal medico. 26. Perciò siano premurosi di praticare sempre il silenzio in chiesa, nel chiostro e nel dormitorio; in refettorio, poi, durante la prima e la seconda mensa, e da Completorio fino a Prima, altrimenti curino di parlare sommessamente e, religiosamente. 9. Nondimeno gli ospiti siano accolti con cuore gioioso e volto, sereno e, secondo la possibilità di ciascun convento, vengano benignamente serviti, con cibi quaresimali solamente, da coloro, Capitolo ottavo: Amore all'orazione e all'osservanza del silenzio, 35. Nè dopo, questo triennio chiunque potrà fare ciò, all'infuori dei soli sacerdoti professi in quest'Ordine, che abbiano almeno venticinque. Non si permetterà affatto che le donne entrino nei conventi dell'Ordine. I frati di quest'Ordine sapendo d'aver rinunziato alla propria volontà, obbediranno umilmente ai loro Superiori in tutto ciò che, non è contro la salute della propria anima nè contro questa sacra Regola. 1 - Anzitutto, fratelli carissimi, non dimenticate che bisogna conoscere e osservare scrupolosamente i comandamenti di Dio, affinché, amando Diocon tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta l'anima e con tutte leforze, e il prossimo come noi stessi, possiate conseguire il frutto della vita eterna. Le sorelle dell'ordine dei minimi. Altro pomeriggio entusiasmante quello vissuto nella Città natale di San Francesco di Paola... Prenderà vita giorno 12 Agosto 2016 alle ore 21,00 il più Grande Evento Concertistico italiano…, Domenica 6 Marzo nella nella Parrocchia S. Caterina V.M. Tuttavia si tolleri l'ingresso, in vesti decorose e per, visite pie, di singole signore di stirpe regale, cosi pure delle fondatrici di quest'Ordine, insieme al loro seguito, quando. Per l'Ufficio dei defunti diranno ogni giorno altri cinque Pater noster e Ave Maria. È il ramo secolare dell’Ordine dei Minimi, con il quale ha in comune il carisma penitenziale. Inoltre obbediranno umilmente a fra' Francesco di Paola e ai Correttori, Generali che gli succederanno nel tempo, nè si allontaneranno mai da questa Regola e vita, memori che invano si comincia il. Quelli che dal Capitolo saranno eletti come Seniori, consiglino prudentemente i loro Correttori e li aiutino in tutto ciò che, 41. cappello o un berretto adatto secondo le esigenze delle regioni. I Fratelli Oblati invece reciteranno per il Mattutino venti Pater noster e Ave Maria, per, le Lodi sette, per il Vespro dieci, e cinque per ciascuna delle altre Ore, aggiungendo ugualmente i versetti Gloria Patri e Sicut. Uscendo, con il loro permesso, a due a due dal convento, chiederanno umilmente loro la benedizione, e. 20. anni di età, salvo che non intervenga il consenso del Capitolo generale o provinciale. 6. cingolo rotondo avrà solo tre nodi, e il loro cappuccio scenderà fino allo stesso cingolo in modo che non lo si possa ricingere. Si tratta di un testo in lingua francese – probabilmente una traduzione – sul quale è stata apposta la data 1474. Perché questa Regola e cosi anche il Correttorio siano meglio osservati, si chiederà al Sommo Pontefice un eminentissimo, Cardinale del sacro Collegio, che sia zelante protettore, amico benigno e custode vigilantissimo di questa piccola Religione, e, non permetta mai cosa alcuna che possa snervare la purità di questa sacra Regola e vita o distruggerne la forza della, E' questa, carissimi fratelli, la Legge e Regola mite e santa, che vi esortiamo ad accogliere umilmente e a custodire, fedelmente, così che, mediante la sua osservanza, possiate alla fine conseguire felicemente dalla mano del Signore, quale. A nessun frate, pertanto, è permesso, contro la presente stabile, legge, alimentarsi in qualsiasi tempo dei suddetti cibi pasquali, ossia di grasso: e cioè di carni, di uova, di formaggio, di burro, nè di latticini di ogni tipo, nè di loro composti o derivati. Infine, considerata la condizione di tutti i suddetti frati, a ciascuno sarà lecito, almeno con licenza del Correttore locale. San Francesco ha tradotto nella vita quanto ha scritto nella Regola, offrendo una testimonianza di quotidiana fedeltà a Cristo Povero, Obbediente e Casto. Giovanni Paolo II, Copyright © 2018-2019 –  All Rights Reserved Santuario di Paola, LA PIATTAFORMA E’ STATA REALIZZATA DALLA FONDAZIONE CULTURALE “PAOLO DI TARSO”, Curia Generalizia, piazza S. Francesco di Paola 10 , 00184 Roma (RM) - Italy Restano anche proibiti, per tutti, i pasti consumati di nascosto. 48. A ciascun Superiore siano opportunamente associati tre assistenti timorati, che si chiameranno Seniori, e sostenuto dal loro. Di più, per tutto il tempo che staranno fuori, uno di essi designato dal Superiore fungerà da Correttore. (Regula Ordinis Minimorum) Fede, Pietà, Religiosità popolare e S. Francesco di Paola. Il movimento femminile che col passare del tempo giunse a costituire il Second'Ordine dei Minimi, o ramo femminile, dello stesso Ordine, iniziò quando alcune pie giovani di Andùjar (Spagna), fra le quali Maria e Francesca Valenzuela, si. 16. La Regola da lui scritta fu approvata il 28 Luglio 1506 … giorno della suddetta Natività del Signore quando capitasse di venerdì. Digiuneranno pure in tutti i giorni stabiliti dalla Chiesa e nei mercoledì e venerdì dell'anno, eccetto solo nei mercoledì che, intercorrono tra la Pasqua e la Pentecoste e tra la Natività del Signore e la Purificazione della Beata Vergine Maria, e anche il. e fax (+39) 06 4882613 Ai Correttori locali non sarà lecito, durante il loro ufficio, allontanarsi dal convento se non per giusto motivo, con la, conoscenza del Capitolo e il consenso dei Seniori: ciò perché possano custodire con maggiore vigilanza dalle invisibili belve, delle rovine spirituali il gregge loro affidato, 52. Direttiva 96/71/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 1996 relativa al distacco dei lavoratori nell'ambito di una prestazione di servizi . Origini, regola, identità de : ISBN: 9788896895153 sur amazon.fr, des millions de livres livrés chez vous en 1 jour Quelli che saranno cosi ricevuti resteranno per sempre nello stato della loro professione. 10. chiedessero di vedere gli ambienti più comuni dei conventi dell'Ordine. evangelico. Nessuno poi, fisicamente sano, si esima da tutti i predetti digiuni, eccetto se è in viaggio. By using our services, you agree to our use of cookies. Tutti siano pure esortati ad essere benevoli, modesti ed esemplari; a non giudicare gli altri ma se stessi, a fuggire il troppo, 38. L'ordine, sorto nel XV secolo a opera di Francesco di Paola, si caratterizza per la spiritualità penitenziale vissuta attraverso l'osservanza di un quarto voto di vita quaresimale; i frati minimi si dedicano particolarmente alla predicazione e al … La prima versione della Regola per i frati fu approvata da papa Alessandro VI il 26 febbraio 1493 (Meritis Religiosae vitae). Testo latino e versione italiana, a … Capitolo quarto: Ufficio divino, riconciliazione capitolare, confessione e comunione, 12. Noté /5: Achetez Le sorelle dell'ordine dei minimi. Ordine dei Minimi di s. francesco di paola terziari - regola REGOLA DI VITA DEL TERZO ORDINE DEI MINIMI DI SAN FRANCESCO DI PAOLA Capitolo primo: L'osservanza dei comandamenti di Dio e dei precetti della Chiesa quale via della salvezza 1.